13 Agosto.15:30.Rieti.

Siccome stavo cuocendo per strada e ho i polsi che scricchiolano mi son fermato all’unico bar aperto a quest’ora a Rieti. Ho già fatto il solito pranzo di routine a base di pane e formaggio in un paesello sulla diga del Salto. Un posto bellissimo…ma le strade mi hanno massacrato. Ho scoperto che non sono tanto le pendenze che ammazzano, ma il manto stradale sconnesso. Asfalto ghiaioso, crepato, che ti rallenta in salita e ti distrugge polsi e ruote in discesa. Ovviamente in mtb sarebbe uno spasso, ma con la mia le medie si abbassano parecchio in questi casi e i nervi affiorano velocemente. Ora sono a 35 km da Terni, e comincia la parte della giornata in cui si pensa a dove fermarsi e soprattutto a qual’ è il piatto tipico locale…questi pensieri due o tre km l’ora in più te li fanno fare. Vi racconterò un paio di storie stasera in video ora riparto perché si sta facendo tardi.

20110813-035127.jpg

20110813-035158.jpg

20110813-035236.jpg

Annunci

3 Responses to “13 Agosto.15:30.Rieti.”


  1. 1 Mario agosto 13, 2011 alle 3:22 pm

    Carissimo Igor fino ad oggi ti ho seguito in silenzio ma è giunta l’ora di farmi sentire per incoraggiarti in questa tua nuova avventura. Da Alcamo un abbraccio affettuoso da Mario , Antonella e dal piccolo Giuseppe di 3 mesi. Continua così sei un grande !

  2. 2 Paolo agosto 13, 2011 alle 5:16 pm

    Hola Igor.
    Sin dolor no hay recompensa! Esto es el camino.
    Hasta luego.
    Un abrazo
    Pablo

  3. 3 Riccardo agosto 13, 2011 alle 7:39 pm

    Una mela al giorno toglie il medico di torno. Ti sei portato il protettivo solare? A vederti ce ne vorrebbe un bidone di 5kg!!
    Tieni duro!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Sharks palermo, igor d'india

Social Partner

About me

Igor D'India Freelance Videomaker Chi sono, cosa faccio, perchè non me ne sto a casa? Agli inizi ho effettuato reportage in zone di guerra (Bosnia, Caucaso, Sahara Occidentale ) o poco conosciute come la “finca” cubana nella regione di Guantanamo. Qualche passaggio in Asia e Africa con una vecchia Y10 e un equipaggio di folli (in senso positivo) ha arricchito il quadro delle avventure in luoghi non proprio raccomandabili. Queste esperienze sono state per me una formazione indispensabile per le avventure venute in seguito, come la Marsala-Torino in bici per i 150 anni dell'Unità d'Italia, la risalita a piedi del martoriato fiume Oreto di Palermo, il mese in isolamento in una grotta profonda 25 metri nel Monte Pellegrino (Pa) e l'attraversamento del Canada in autostop in inverno. Lo scopo dei miei lavori è spesso raccontare una spedizione (solitaria o in team) o un importante avvenimento verificatosi nel luogo che si attraversa, con pochi a disposizione. Lo stile tende a essere quello degli esploratori/documentaristi di un tempo: imprese difficili con mezzi improbabili. Forse non sarà rimasto niente da esplorare, ma si possono fare esperienze straordinarie anche dietro casa se si affrontano in un certo modo. Supporti tecnologici che fanno "il lavoro per te", ad esempio, possono contaminare l'approccio onesto all'esperienza e rovinarne il senso. Dove si è da soli davanti all' ignoto e dove si pagano cari gli errori commessi, il successo (senza trucchi) così come il fallimento, garantiscono una maturazione personale più rapida delle esperienze ordinarie. Se poi le cose vanno male o è colpa tua o dell' imponderabile. In tutti i casi ci si trova sempre a dire "ma chi me lo ha fatto fare?". I ricordi te li godi dopo, davanti a una fresca birra con gli amici, o davanti a una tastiera, quando metti nero su bianco l'accaduto, tra il sorriso e la nostalgia.

Post Archive

Free donations

Inserisci la tua mail per essere avvisato quando viene pubblicato un nuovo post!

Segui assieme ad altri 1.091 follower


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: