Paolo e l’autostop per conoscere il mondo

Nel novembre del 2010 ero sdraiato in un letto d’ospedale con una caviglia ingessata. Guardavo il soffitto annoiato e preso dalle paranoie del caso quando il telefono cominciò a squillare. Era Paolo. In due parole, lui è stato logista e guida quando ho girato il documentario a Beslan (Ossezia del nord) e pilota e meccanico della Y10 che ci ha portato quasi al traguardo di Mongol e Africa Rally ( auto che ora giace in Cameroun da due anni in attesa di essere “ricomposta” per la traversata delle Americhe).
La nostra conversazione quel giorno non fu molto diversa dalle altre avute in passato:
-We, come va?
-Bene grazie, sono in ospedale con una gamba rotta. Tu?
-Ah, bravo, niente io vado al matrimonio di mio cugino a Shangai.
-Come ci vai?
– In autostop, volevo passare un attimo dalla Cina a vedere com’ è.
-E certo, e dove sei ora?
-In Lituania.

20130402-145958.jpg

Inutile dire che neanche un mese dopo era a festeggiare il matrimonio, nonostante avesse attraversato la Siberia in inverno e litigato con un milione di cinesi che non parlano inglese e se lo parlano non capiscono il concetto di “autostop”.
Esempio:
-ciao sto andando in autostop, mi dai un passaggio a X paese?
-Si, sali che ti porto alla stazione.
-no, non hai capito, mi ci porteresti tu alla prossima città?”
-Ah ok, allora ti riporto indietro così ti prendi un taxi?

E partivano le bestemmie di Paolo che dopo alcune decine di litigate si è convinto a fare un tratto in autobus.

Qualche mese dopo, con uno zaino pieno di 43kg di pezzi di ricambio e una caffettiera, è partito, sempre dalla Lituania, per andare a riparare la Y10, in Cameroun. Una missione che come Team Est avevamo preventivato già da tempo e che purtroppo non è andata bene. In effetti Paolo un mese dopo era in Cameroun, ma un incidente ancora poco chiaro gli ha fatto finire la macchina sulla mano durante le riparazioni e per poco non ci perdeva un dito.

Rimpatriato d’urgenza bestemmiando, al momento è da qualche parte tra Francia e Lussemburgo a fare autostop per gli affari suoi.
Lui ovviamente mi ha dato dei consigli su come affrontare questo giro.
Ma la cosa più degna di nota secondo me è la sua motivazione del girare con questo metodo. “Cioè, io ho degli amici a Varese che lavorando a contatto con il pubblico avranno a che fare in un anno con mille persone.
Ecco, in autostop tu parti per conoscere un Paese e ti deve andare male con mille persone ci parli in un mese. Conosci la gente per strada, ci parli in macchina, non c’è un modo migliore per viaggiare, e poi è gratis”.

Il concetto è chiaro, come è chiaro che bisogna fare pratica.

20130402-143758.jpg

foto:Paolo e la Y10 durante il nostro passaggio in Afghanistan-2009, primo piano di Paolo all’Africa Rally-Cameroun 2010

Annunci

0 Responses to “Paolo e l’autostop per conoscere il mondo”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Social Partner

About me

Igor D'India Freelance Videomaker Chi sono, cosa faccio, perchè non me ne sto a casa? Agli inizi ho effettuato reportage in zone di guerra (Bosnia, Caucaso, Sahara Occidentale ) o poco conosciute come la “finca” cubana nella regione di Guantanamo. Qualche passaggio in Asia e Africa con una vecchia Y10 e un equipaggio di folli (in senso positivo) ha arricchito il quadro delle avventure in luoghi non proprio raccomandabili. Queste esperienze sono state per me una formazione indispensabile per le avventure venute in seguito, come la Marsala-Torino in bici per i 150 anni dell'Unità d'Italia, la risalita a piedi del martoriato fiume Oreto di Palermo, il mese in isolamento in una grotta profonda 25 metri nel Monte Pellegrino (Pa) e l'attraversamento del Canada in autostop in inverno. Lo scopo dei miei lavori è spesso raccontare una spedizione (solitaria o in team) o un importante avvenimento verificatosi nel luogo che si attraversa, con pochi a disposizione. Lo stile tende a essere quello degli esploratori/documentaristi di un tempo: imprese difficili con mezzi improbabili. Forse non sarà rimasto niente da esplorare, ma si possono fare esperienze straordinarie anche dietro casa se si affrontano in un certo modo. Supporti tecnologici che fanno "il lavoro per te", ad esempio, possono contaminare l'approccio onesto all'esperienza e rovinarne il senso. Dove si è da soli davanti all' ignoto e dove si pagano cari gli errori commessi, il successo (senza trucchi) così come il fallimento, garantiscono una maturazione personale più rapida delle esperienze ordinarie. Se poi le cose vanno male o è colpa tua o dell' imponderabile. In tutti i casi ci si trova sempre a dire "ma chi me lo ha fatto fare?". I ricordi te li godi dopo, davanti a una fresca birra con gli amici, o davanti a una tastiera, quando metti nero su bianco l'accaduto, tra il sorriso e la nostalgia.

Post Archive

Free donations

Inserisci la tua mail per essere avvisato quando viene pubblicato un nuovo post!

Segui assieme ad altri 1.091 follower


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: