Carmacks-parte1 “L’ingannevole Lago Laberge”

Dopo aver lasciato Whitehorse alle 20 di lunedì scorso, ho raggiunto in nottata, e con facilità, un isolotto appena a sud di Upper Laberge, più o meno come la prima tappa di Bonatti.
L’indomani, verso le 12, parto sotto un cielo che minaccia pioggia, ma il vento è assente. So per certo che il lago, lungo 53 km e largo appena 4/5 km, è una trappola per topi. Bonatti lo attraversò a destra traghettando al largo e fu colpito dal vento verso tarda sera…lottò per ore contro onde alte, quasi al buio, rischiando “un naufragio senza scampo”. Ma il lago è anche noto per le sue meraviglie paesaggistiche ed essendo appunto ” solo un lago” molta gente spratica, illusa dal bel tempo, parte per la traversata diretta e si ritrova nei guai.

il lago Laberge al tramonto

 

Per prudenza quindi, appena entrato nel vastissimo specchio d’acqua, punto la riva sinistra, a circa 3km. Già a metà strada avverto delle vibrazioni dovute al vento che comincia a montare. Pagaio quindi più forte e raggiungo la riva dove, sotto una pioggia gelida, mi fermo a vestirmi con roba pesante. La pioggia mi abbandonerà di rado nelle lunghe 11 ore successive quando, fradicio ( i miei pantaloni non sono più impermeabili e l’ ho scoperto in quel momento), passo la grossa isola a metà circa del percorso. Nonostante i paesaggi meravigliosi, la mia ansia rimane costante. Il vento è cessato da un pò, ma sento che qualcosa sta avvenendo a sud. Come immaginavo, una perturbazione giunge rapidamente alle mie spalle e mi trovo presto a puntare una spiaggetta isolata per una sosta. Piuttosto che finire a bagno e andare incontro a morte certa, meglio aspettare “tranquillo” a terra.  Appena approdato mi accolgono festose un centinaio  di fameliche zanzare indemoniate. Faccio in tempo ad assicurare Rossana a un albero e a montare la tenda, poi crescono le onde e l’orizzonte è ormai frastagliato da “whitecaps”.  La mia sosta diventa quindi un bivacco e attendo per tutta la notte fino alla sera successiva, come un naufrago su un’isola deserta. Intravista una finestra di bel tempo, remo all’impazzata puntando  una penisola che, nell’oscurità della sera, si intravede appena.

me pioggia lago

Questa si trova a 5-6 km dal punto in cui riprende a scorrere lo Yukon. Per raggiungerla devo azzardare, perchè taglio un golfo e mi allontano dalla costa.  Mi spezzo le braccia per raggiungere quel lontano gruppo di alberi che sembra non arrivi mai! Ecco quindi tornare il vento, gelido data l’ora. Nella quasi totale oscurità mi accorgo che in realtà ho raggiunto una immensa spiaggia di ciottoli e tiro Rossana in secca quanto più posso perché temo l’alta marea. Monto di nuovo la tenda e la fisso per bene con i paletti e tutte le corde che ho. Corro a circa 50m dal bivacco a scaricare  la sacca con  i viveri  e poi  mi rifugio nel mio sacco a pelo, sudato marcio e infastidito dalla situazione. Il vento non si calmerà prima delle 15 del giorno dopo. Parto con buone speranze, ma le onde ora arrivano di fianco e devo zigzagare per tagliarle bene, sempre costeggiando. Come a mare c’è una pausa fra un treno di onde e l’altro e la sfrutto per virare, una volta verso la costa e una volta verso il largo e così via. Un colpo di fianco durante questa manovra significa finire a mollo.

Non vorrei essere in mezzo al lago per niente al mondo, la situazione è sicuramente molto più pericolosa laggiù.onde sul Laberge

Arrivo finalmente al fiume e navigo a cavallo della corrente fino a Hootalinka, ex villaggio della Gold Rush a circa 150 km da Whitehorse, dove sbarco verso le 23. Sulla riva mi accoglie un giapponese cordialmente, una guida che porta in giro gente per brevi percorsi nel wilderness:” WELCOME TO THE YUKON!”. Lo abbraccio felice, e ringrazio il cielo di aver passato il primo grande ostacolo del viaggio. Verrò poi a sapere che il secondo giorno di burrasca, mercoledi, due team che partecipavano alla Yukon Quest, gara di endurance tra WH e Dawson, hanno preso tre onde di quasi 5 piedi l’una e sono finiti a bagno. Uno di loro, rimasto per venti minuti nella morsa del gelo, è stato portato a riva da una barca appoggio in stato di ipotermia.

 

A giro breve la seconda parte.

Screenshot (75)

Annunci

0 Responses to “Carmacks-parte1 “L’ingannevole Lago Laberge””



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Sharks palermo, igor d'india

Social Partner

About me

Igor D'India Freelance Videomaker Chi sono, cosa faccio, perchè non me ne sto a casa? Agli inizi ho effettuato reportage in zone di guerra (Bosnia, Caucaso, Sahara Occidentale ) o poco conosciute come la “finca” cubana nella regione di Guantanamo. Qualche passaggio in Asia e Africa con una vecchia Y10 e un equipaggio di folli (in senso positivo) ha arricchito il quadro delle avventure in luoghi non proprio raccomandabili. Queste esperienze sono state per me una formazione indispensabile per le avventure venute in seguito, come la Marsala-Torino in bici per i 150 anni dell'Unità d'Italia, la risalita a piedi del martoriato fiume Oreto di Palermo, il mese in isolamento in una grotta profonda 25 metri nel Monte Pellegrino (Pa) e l'attraversamento del Canada in autostop in inverno. Lo scopo dei miei lavori è spesso raccontare una spedizione (solitaria o in team) o un importante avvenimento verificatosi nel luogo che si attraversa, con pochi a disposizione. Lo stile tende a essere quello degli esploratori/documentaristi di un tempo: imprese difficili con mezzi improbabili. Forse non sarà rimasto niente da esplorare, ma si possono fare esperienze straordinarie anche dietro casa se si affrontano in un certo modo. Supporti tecnologici che fanno "il lavoro per te", ad esempio, possono contaminare l'approccio onesto all'esperienza e rovinarne il senso. Dove si è da soli davanti all' ignoto e dove si pagano cari gli errori commessi, il successo (senza trucchi) così come il fallimento, garantiscono una maturazione personale più rapida delle esperienze ordinarie. Se poi le cose vanno male o è colpa tua o dell' imponderabile. In tutti i casi ci si trova sempre a dire "ma chi me lo ha fatto fare?". I ricordi te li godi dopo, davanti a una fresca birra con gli amici, o davanti a una tastiera, quando metti nero su bianco l'accaduto, tra il sorriso e la nostalgia.

Post Archive

Free donations

Inserisci la tua mail per essere avvisato quando viene pubblicato un nuovo post!

Segui assieme ad altri 1.091 follower


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: